Con l'emergenza neve nelle aziende gravi conseguenze di ordine alimentare e sanitario

Home \ Con l'emergenza neve nelle aziende gravi conseguenze di ordine alimentare e sanitario
Data Creazione: 
19 Gen 2017 - 13:00

Gli allevatori sono la categoria più colpita da questa straordinaria bufera di neve. Ci sono casi drammatici: ovili isolati, assenza di corrente elettrica, impossibilità di ristorare gli animali, di mungere. E le conseguenze saranno ancora più gravi.

L’Aras conosce bene tutte le realtà allevatoriali sarde che visita personalmente più volte l’anno. “In questo momento sono colpite proprio quelle più marginali, che garantiscono il presidio di un territorio, che se non ci fossero loro sarebbe abbandonato – spiega il presidente Stefano Sanna -. Aziende modello che hanno saputo coniugare la tradizione con la tecnologia garantendo latte, formaggi e carne di altissima qualità. In questi giorni, stanno lavorando in condizioni davvero precarie. Gli allevatori hanno impiegato delle ore per raggiungere i propri animali, rimasti in alcuni casi senza munti, in altri senza mangiare ed al freddo in mezzo alla neve. Alcuni non hanno ancora potuto raggiungere i propri ovili. Ci sono molti casi di pastori che non possono conferire il latte in caseificio”.

“Ci sono e ci saranno delle conseguenze di ordine alimentare e sanitario – spiega il direttore di Aras Sardegna Marino Contu -. In questo momento è fondamentale garantire l’incolumità delle persone e degli animali, ma nei prossimi giorni emergeranno tutti questi problemi che agli allevatori costeranno soldi e lavoro. Gli animali sono praticamente abbandonati e stanno subendo degli shock, in quanto sono state stravolte tutte le abitudini alimentari, climatiche, di lavoro ecc. Ci vorranno giorni per assorbirlo, con delle conseguenze non di poco conto nella produzione”.

Tipologia: