Il successo della fiera di Macomer nei numeri del pubblico e nella grande partecipazione di espositori

Home \ Il successo della fiera di Macomer nei numeri del pubblico e nella grande partecipazione di espositori
Data Creazione: 
20 Mag 2015 - 12:49

Sono i fratelli Selis, Efisio e Vincenzo, i vincitori della 9^ Mostra Nazionale degli Ovini di razza Sarda. In tarda mattinata l’AssoNaPa, guidata dal giovane presidente Stefano Sanna hanno consegnato il premio ai pastori di Tuili saliti sul podio in sette delle otto categorie in concorso.Dopo il successo di pubblico della fiera dei bovini da carne della scorsa settimana, oltre 20mila persone hanno invaso l’accogliente zona fieristica di Macomer. Il via vai di persone è cominciato dalla mattina presto. Dalle 11 in poi traffico in tilt, con file lunghe fin quasi l’ingresso di Macomer che dista circa quattro km dalla zona fieristica.Il format scelto dagli organizzatori (Aras, AssoNaPa, Apa, Aipa e amministrazione comunale di Macomer) ha fatto centro, agevolato dal prezzo del latte che finalmente ha varcato l’euro, e il prezzo del Pecorino romano che continua a segnare record (da lunedì scorso è salito a 9,30 euro al Kg).La formula vincente secondo l’Aras è stato il connubio tradizione-innovazione, come è stato ampiamente detto nel corso del convegno di sabato mattina dove Aras, Agris, dipartimento di Agraria e Chimica dell’università di Sassari e Consorzio di tutela del Pecorino Romano hanno presentato alcune delle innovazioni in corso.“Il comparto agro-pastorale – ha commentato soddisfatto il presidente dell’Aras Sandro Lasi che ieri ha incassato insieme al direttore Marino Contu e tutti gli organizzatori i complimenti dell’assessore all’Agricoltura Elisabetta Falchi – in questo periodo di grave crisi economica che sta attanagliando il sistema-Sardegna ha dimostrato di essere lo zoccolo duro dell’economia isolana. E non a caso è il primo comparto a dare segnali di ripresa, oltre ad essere meta ambita per i giovani, spesso con la laurea in tasca”.“Senza perdere la propria identità il mondo agro-pastorale – spiega il presidente – ha saputo innovarsi ed evolversi aprendo alle nuove tecnologie che si stanno integrando all’interno di un consolidato metodo di lavoro tradizionale”.Ad essere invasi dai visitatori oltre ai padiglioni che hanno ospitato le 2.500 pecore ed arieti, i migliori di razza sarda del panorama italiano, è stato anche quello dove era presente la sesta fiera dell’agro-alimentare, che bene hanno rappresentato i cibi di altissima qualità degli allevatori sardi.“La mostra è stata un autentico successo – anche secondo il direttore dell’Aras Marino Contu -, ma non abbiamo intenzione di fermarci. Vogliamo migliorarci e per questo siamo già al lavoro per la prossima edizione. Ascolteremo e metteremo in pratica i preziosi consigli dell’assessore all’Agricoltura Elisabetta Falchi, secondo la quale si deve puntare sulla formazione. Abbiamo già avuto degli incontri informali per approfondire questo aspetto fondamentale per il comparto e a maggio, dopo aver fatto un bilancio consuntivo, cominceremo a programmare l’edizione del 2016”.

Tipologia: