Primi risultati della mostra nazionale degli ovini di razza sarda

Home \ Primi risultati della mostra nazionale degli ovini di razza sarda
Data Creazione: 
7 Mag 2017 - 11:15

"Innovazione e informazione nell'allevamento ovino": il convegno al centro dell'appuntamento fieristico ha sancito l'importanza della ricerca e dello studio. 

E’ con la valutazione degli agnelloni e delle agnelle dell’annata 2016 che si chiude la mattina della seconda giornata della Mostra Nazionale degli Ovini di razza Sarda di Macomer nell’area fieristica di Sant’Antonio. Valutazioni iniziate con il taglio del nastro alla presenza dell’assessore regionale all’agricoltura Pierluigi Caria, che ha chiuso il convegno organizzato da Aras, Assonapa e Apa sull’innovazione e informazione nell’allevamento ovino. Un momento di confronto molto partecipato incentrato sull’importanza della tecnologia e della ricerca nella conduzione delle aziende agricole ovine. Tra l’importanza di valutare determinate informazioni sui paramenti ambientali in stalla, la zootecnia di precisione e il benessere animale, è emersa la necessità di formare figure maggiormente specializzate specie per la zootecnia di precisione attraverso la quale è possibile ottenere determinati obiettivi di risparmio e produzione. Un incontro animato da contributi del mondo accademico (con il direttore del Dipartimento di Agraria dell’Università di Sassari Antonello Pazzona e Vincenzo Carcangiu del Dipartimento di Medicina Veterinaria), del mondo delle agenzie agricole sarde (con il direttore generale di Agris Roberto Zurru, e i tecnici Maria Dattena e Antonella Carta) e della sezione controllo sanità animale Ciriaco Ligios. Interventi coordinati da Marino Contu, direttore di Ara Sardegna che ha introdotto anche gli interventi del Sindaco Antonio Succu, Roberto Maddè, direttore generale Aia, Stefano Sanna, Presidente Assonapa e Aras, il vicesindaco Rossana Ledda, Salvatore Palitta presidente del Consorzio pecorino romano. Pierluigi Caria, assessore all'agricoltura ha affrontato le principali questioni legate al comparto agropastorale: “stiamo lavorando per risolvere le problematiche legate al prezzo del latte ovino– ha affermato l’assessore Caria -. Crediamo nell’Oilos: un tavolo dove ci sono tutti i protagonisti dove si sta decidendo come spendere le risorse. Allo stesso modo abbiamo dato attuazione a diversi bandi e altri arriveranno entro giugno”.
“Un momento di confronto - spiega Marino Contu - che in linea con la costante informazione che stiamo attuando nelle aziende, unito ai servizi di assistenza tecnica diretta, ci ha offerto una panoramica sulle future innovazioni in tema di zootecnia, perché lo studio, la ricerca e l’innovazione dovranno essere una costante nella conduzione delle nostre aziende.” Soddisfazione anche da parte del presidente di Ara e Assonapa Stefano Sanna per il quale il grande successo di questi eventi fieristici “è la conferma dell’importanza che il comparto agrozootecnico riveste nella nostra isola: le fiere crescono sempre di più nei consensi e la collaborazione con le amministrazioni comunali rappresentano un valore aggiunto importante per il ruolo che rivestono a livello locale”. Per tutta la giornata di oggi proseguiranno le valutazioni nelle altre categorie in gara e domani si avranno i risultati che incoroneranno le migliori aziende ovine della Sardegna.

Gruppo 4 agnelloni annata 2016: 1 Mario Picciau (Monastir) – 2 Renato Pitzalis (Nuragus) – 3 Salvatore Castangia (Nuragus)
Gruppo di 4 agnelle annata 2016: 1 Mario Picciau (Monastir) – 2 Renato Pitzalis (Nuragus) – 3 Vincenzo e Efisio Selis (Tuili).

Tipologia: